Italian Version English Version
SCOPRIRE LA CONOSCENZA DI DIO CON UN LINGUAGGIO SEMPLICE
 





IL PENTATEUCO

DIO SI RIVELA ALL’UMANITÀ ATTRAVERSO IL POPOLO D’ISRAELE

NOTE INTRODUTTIVE

 

I primi cinque libri della Bibbia, ‘Genesi’, ‘Esodo’, ‘Levitico’, ‘Numeri’, ‘Deuteronomio” formano la prima grande collezione di scritti biblici chiamati il “Pentatuco”.
Il termine deriva dal greco (penta=cinque e teucos=astuccio), cioè i ‘cinque astucci’ che contenevano i volumi (o rotoli) equivalenti a quelli che nella Bibbia del canone ebraico vengono denominati la “Torah” ( la “Legge”), ossia l’insegnamento di Dio per eccellenza.
L’argomento trattato in questi cinque libri inizia con la creazione del mondo e dell’umanità. Quindi, soffermandosi attorno al popolo ebraico e sul suo capostipite Abramo, narrano le vicende dell’uscita dall’Egitto fino al suo ingresso nella terra promessa (la Palestina), sotto la guida di Mosè, l’intermediario attraverso il quale Israele ricevette la “Legge”. L’ultimo libro, il Deuteronomio, termina narrando la morte di Mosè.
Il Pentateuco, visto nel suo complesso, sottolinea con chiarezza la conoscenza che il popolo d’Israele ha di sé sullo sfondo della “Storia della Salvezza”. Raggruppa una serie di prescrizioni che regolavano la vita morale, sociale, politica e religiosa di Israele: un insieme di sacro e profano, cioè di leggi civili e penali mescolate a precetti religiosi, presentati come la ‘Carta dell’Alleanza’ del popolo d’Israele con Dio. Il lettore resta sicuramente sorpreso da alcuni aspetti letterari caratterizzati dalla diversità di vocabolario, di stile e di testimonianze, o da ripetizioni dello stesso racconto, che fanno chiaramente apparire i cinque libri del Pentateuco come la “summa di diverse tradizioni letterarie e religiose”, che nel corso dei secoli hanno contribuito a fissare principi e modi diversi di proclamare e di vivere la fede del popolo d’Israele nel loro unico Dio.

 
 
Articolo letto 696 volte --- Stampa la pagina

Giudica il testo: Interessante facile nella lettura comprensibile non di facile lettura inadeguato privo di interesse